Passa ai contenuti principali

Le dinamiche tafonomiche nei resti umani ritrovati in ambienti glaciali

Resti mummificati di un alpinista morto nel 1959, ritrovato nel 2015 sul Pico
de Orizaba, in Messico. Source: dailymail.co.uk

I ghiacciai ricoprono estese superfici in ogni continente, eccetto l'Australia. Sciogliendosi, essi fanno tornare gradualmente alla luce elementi di valore archeologico o medico-legale, che sono rimasti nascosti e intrappolati nel ghiaccio per decine, centinaia, o migliaia di anni. Lo scioglimento dei ghiacciai è diventato notevolmente più importante e veloce per via dei cambiamenti climatici e del surriscaldamento globale; di conseguenza, i ritrovamenti occasionali di oggetti o resti umani archeologici/forensi sono aumentati, portando rinnovato interesse all'Archeologia Glaciale. 
Gli ambienti freddi o gelidi hanno il potenziale di alterare ciò che vi è sepolto (persone e cose). Vi sono molte ricerche a proposito delle conseguenze che un ambiente freddo ha sui resti umani e animali; tuttavia, un ambiente di tipo glaciale è unico e dinamico, tanto da poter alterare significativamente i resti al di là delle tipiche conseguenze causate dalle temperature fredde o dal congelamento.  
Solitamente, le conseguenze principali osservabili su resti ossei sepolti e ritrovati in un ambiente glaciale sono: movimento e quindi dispersione dei resti, alterazione dei margini ossei, rottura, estesa conservazione dei tessuti molli, e formazione di adipocera. 

I ghiacciai erodono, trasportano e depositano altrove i materiali che incontrano. Quando i ghiacciai si muovono, essi tendono ad erodere i materiali che trovano sul loro percorso. Lo strato inferiore di un ghiacciaio è pieno di detriti, il che gli permette  di abradere le superfici che stanno al di sotto. Attraverso questo processo di erosione, sulla roccia sottostante si formano strie o solchi glaciali. Viste le loro dimensioni, i ghiacciai possono trasportare una gran quantità di materiali, che possono costituire il cosiddetto carico sopraglaciale, se sono al di sopra del ghiacciaio, carico englaciale, se congelati all'interno del ghiacciaio, o subglaciale, se si trovano al di sotto del ghiacciaio. Infine, i materiali possono essere depositati anche al termine di un ghiacciaio, direttamente dal ghiaccio o dall'acqua derivata dal ghiaccio in scioglimento. 
I movimenti glaciali, sia attraverso deformazioni interne che per via dello scivolamento basale, possono spostare i resti umani dal loro originale luogo di deposizione. Inoltre, quando i resti vengono ri-esposti alla superficie, essi sono sottoposti ad ulteriori spostamenti da parte di molte altre forze che possono agire al di sopra di un ghiacciaio. L'effetto del movimento glaciale sui resti dipende largamente da dove i resti sono depositati. Se ad esempio i resti si trovano nella zona di ablazione (ovvero di perdita di ghiaccio per evaporazione, distacco, fusione o sublimazione), essi verranno sepolti nel manto nevoso stagionale, saranno esposti all'aria durante ogni stagione di scioglimento, e verranno intanto trasportati verso la parte più frontale del ghiacciaio. Di conseguenza, i resti verranno sottoposti a grandi fluttuazioni di temperatura e a ripetuti cicli di congelamento e scongelamento. Se invece i resti vengono depositati nell'area di accumulo del ghiacciaio, essi saranno velocemente sepolti e isolati da ogni influenza atmosferica. In ogni caso, più in alto nel ghiacciaio si origina la traiettoria dei resti, più a lungo questi rimarranno sepolti. Quando la traiettoria è lunga, i resti vengono sepolti a grandi profondità, e ciò li espone ad un'alta pressione e a stress, che ne incrementano la dispersione e la possibile alterazione. 
Siccome il movimento glaciale coinvolge ghiaccio, carico glaciale e roccia circostante, i resti possono venire in contatto con ognuno di questi elementi, che hanno il potenziale di abradere, rompere, smussare, spezzare, scheggiare o polverizzare il materiale scheletrico.

Vi sono inoltre fattori intrinseci al ghiacciaio, come temperatura, cicli di congelamento-scongelamento, e processi di deposizione. Innanzitutto, le basse temperature possono influenzare la decomposizione. I resti congelati si decompongono dall'esterno all'interno, al contrario dei resti non congelati che si decompongono dall'interno all'esterno. A temperature molto basse, i microrganismi interni al corpo vengono uccisi, o la loro crescita è fortemente rallentata durante il processo di congelamento; questo fa sì che la parte esterna del corpo venga esposta per prima quando il corpo inizia a scongelarsi. Le basse temperature oltre a rallentare la riproduzione batterica, e a impedire o ritardare quindi il processo di decadimento, possono preservare i tessuti molli (si pensi a Otzi, alle mummie Siberiane, a quelle Peruviane, o ai resti di mammut perfettamente conservati ritrovati in Russia). 
Oltre a condizionare decomposizione e conservazione, le temperature fredde possono alterare lo stesso materiale scheletrico. Una matrice ossea bagnata che si sta congelando solitamente si espande per più del 9%, per via della formazione di cristalli di ghiaccio. L'analisi istologica di ossa umane congelate ha mostrato infatti microfratture nei canali di Havers che sono correlate al processo di congelamento e all'espansione liquida; l'osso congelato mostra anche fratture di superficie. I resti che vengono periodicamente esposti e ricoperti vengono inoltre sottoposti a screpolature, desquamazione, incuneamento, per via del continuo ciclo di congelamento e scongelamento, che causa anche una disarticolazione più veloce, la quale porta di conseguenza ad una estesa dispersione dei resti. La presenza di eventuali traumi peri-mortem può portare ad un ulteriore spargimento dei resti ossei, perché questi ultimi presenterebbero delle fratture già prima dell'esposizione. 
Le ossa ritrovate in un contesto glaciale possono avere i margini alterati, per via del carico glaciale che può tranciare, abradere, e rompere ogni materiale che si trovi al suo interno. L'osso corticale può essere logorato o frantumato, e l'osso trabecolare viene così esposto. In prossimità dei margini di frattura, l'osso corticale potrebbe presentare abrasioni e graffi. 


Epifisi di 4 ossa lunghe, che mostrano abrasione e frantumazione dell'osso corticale ed esposizione dell'osso trabecolare.
Source: Pilloud et al., 2016 

Alcune di queste alterazioni subite dalle ossa, in particolare lo schiacciamento e la frantumazione delle estremità delle ossa lunghe, possono ricordare quelle causate dagli animali carnivori. Tuttavia, i cambiamenti tafonomici caratteristici di un ambiente glaciale possono essere distinti da quelli derivati dallo scavenging animale. I resti ossei modificati da uno o più animali carnivori tendono ad avere cavità, perforazioni, marcature, e solchi; queste lesioni hanno margini irregolari e smussati, e sono di intensità variabile a seconda che si trovino all'interno o all'esterno dell'osso. Per contrasto, le lesioni causate da un ambiente glaciale tendono ad essere più regolari, e non presentano cavità, perforazioni e marcature/solchi dovuti ai denti o agli artigli.  
Ovviamente lesioni causate da animali carnivori e cambiamenti dovuti alla deposizione in ambiente glaciale possono convivere sugli stessi resti. Per una corretta comprensione dei cambiamenti o delle lesioni post-mortem, è quindi importante valutare per quanto tempo i resti sono rimasti esposti, l'eventuale accesso animale ad essi (conoscere la fauna locale), e l'aspetto delle lesioni. 

Come già accennato, i resti umani e animali ritrovati in un ambiente glaciale mostrano generalmente condizioni di conservazione eccellenti. Le temperature molto basse infatti fermano o ritardano la crescita batterica, portando ad un'estensiva preservazione del tessuto molle per via di una decomposizione ritardata o interrotta. Le ossa possono sembrare fresche, per la presenza di midollo e per la ritenzione di un residuo grasso; anche il tessuto muscolare, i legamenti, i tendini e la pelle possono preservarsi molto bene.


Gamba e piede destro estremamente ben conservati. Source: Pilloud et al., 2016

L'eventuale presenza di adipocera è legata alla presenza di acqua o forte umidità, associata al freddo:

Estremità distale di un radio sinistro, con adipocera e tessuto molle ancora presente. Source: Pilloud et al., 2016


Solitamente, i resti che presentano un'eccellente conservazione dei tessuti molli potrebbero essersi congelati all'interno del ghiacciaio, quelli essiccati suggeriscono una diretta esposizione alla luce del sole, mentre quelli che presentano adipocera è possibile siano rimasti in acqua o nella neve sciolta per un lungo periodo. Tutte queste condizioni potrebbero anche presentarsi all'interno di un singolo sito, in base alla distribuzione dei resti nello spazio glaciale e quindi al micro-ambiente formatosi attorno ad essi. 

La decomposizione ritardata o interrotta può far sì che l'osso mantenga le sue proprietà meccaniche peri-mortem, e questo significa che quelle che sono fratture post-mortem potrebbero essere scambiate per peri-mortem, perché i margini e l'aspetto delle fratture saranno quelli di un osso fresco. Per questo è importante che un antropologo conosca bene le conseguenze che determinati ambienti e condizioni climatiche hanno sui resti umani. Nel caso specifico dei ghiacciai, i processi tafonomici possono essere molto meglio compresi se si conosce bene la dinamica del movimento dei ghiacci, del carico glaciale, e delle caratteristiche degli stessi ghiacciai. 
I ghiacciai potrebbero essere anche considerati luoghi remoti, ma per via del riscaldamento globale si stanno ritirando più velocemente e in modo massiccio, di conseguenza moltissimi materiali di interesse archeologico e antropologico stanno ritornando alla luce. I resti umani scoperti possono avere sia valenza archeologica (si pensi alle tante mummie scoperte tra i ghiacci) che forense; a questa categoria appartengono i corpi di individui deceduti in incidenti aerei, o in circostanze sconosciute, e anche quelli di caduti di guerra, i cui ritrovamenti si stanno facendo sempre più frequenti (Spinney, 2014). 




Fonti

- Barry, R.G., 2006. The status of research on glaciers and global glacier recession: a review. Progress in Physical Geography, 30: 285-306 
- Bunch, A.W., 2009. The Impact of Cold Climate on the Decomposition Process. Journal of Forensic Identification, 59: 26-44
- Dixon, E.J., Callanan, M.E., Hafner, A., Hare, P.G., 2014. The emergence of glacial archaeology. Journal of Glacial Archaeology, 1: 1-9
- Micozzi, M.S., 1986. Experimental study of postmortem changes under field conditions: effects of freezing, thawing, and mechanical injury. Journal of Forensic Sciences, 31: 953-961
- Pilloud, M.A., Megyesi, M.S., Truffer, M., Congram, D., 2016. The taphonomy of human remains in a glacial environment. Forensic Science International, 261: 161.e1-161.e8
- Spinney, L., 2014. Melting glaciers in northern Italy reveal corpses of WWI soldiers. The Telegraph, 14 Gennaio 2014



Commenti

Post popolari in questo blog

Un approfondimento sui decessi per impiccagione e strangolamento

Source: Getty Images Il collo umano è molto vulnerabile ed esposto a lesioni potenzialmente mortali, per via del suo diametro relativamente piccolo, della mancanza di una schermatura ossea, e della sua stretta associazione con le vie respiratorie, il midollo spinale, e i principali vasi sanguigni.  Le forme più comuni di decesso legato a lesioni del collo sono l'impiccagione e lo strangolamento. L'impiccagione può essere completa o incompleta: si definisce completa quando tutto il corpo è sollevato dal suolo e l'intero peso della vittima è sopportato dal collo; si definisce incompleta quando una parte del corpo tocca una superficie e il peso della vittima non è totalmente sopportato dal collo. L'impiccagione viene anche classificata a seconda dell'intento: giudiziaria, omicida, suicida, autoerotica, ludica o accidentale.  Nelle impiccagioni di tipo giudiziario, che si rivelano essere spesso quelle più estreme, vi è un'effettiva decapitazione, con una

La figura dell'antropologo forense: ruolo, formazione e problematiche annesse

Source: Boston University School of Medicine Negli ultimi anni, l'antropologia forense è diventata una disciplina sempre più complessa, che richiede competenze specifiche ed esperienza in altre determinate discipline che in passato non erano solitamente correlate all'antropologia forense. Infatti, per diventare un antropologo forense qualificato, oggi bisogna completare lunghi e intensi anni di studi. Il numero degli antropologi qualificati e certificati è in costante aumento. Tuttavia, vi sono ancora idee equivoche sull'antropologia forense, anche nella stessa comunità scientifica, che soprattutto nelle indagini di tipo legale/forense possono costituire un serio problema. Ciò accade perché a volte si sottovaluta la complessità della formazione di un antropologo, e si tende a pensare che alcune figure professionali, come ad esempio i patologi, possano in teoria lavorare sui resti scheletrici, semplicemente frequentando qualche corso integrativo di antropologia. Fonda

"I rischi del mestiere": i potenziali pericoli dell'antropologia forense

Source: University of Huddersfield Gli antropologi forensi operano quotidianamente sui resti umani, scheletrizzati e decomposti, quindi sono esposti ad una serie di potenziali pericoli per la salute. Oltre al fatto stesso di maneggiare resti umani decomposti, altre potenziali fonti di rischio sono il lavoro sul campo e gli attrezzi usati in laboratorio. Ad esempio, ci si può ferire durante l'utilizzo del bisturi, si può contrarre un'infezione, o si può essere esposti a patogeni per via di schizzi di fluidi contagiosi che hanno contatto con le mucose o con eventuali ferite già presenti, per inalazione di particelle infettive, o per diretta inoculazione con oggetti taglienti. Nella ricerca antropologica, è in costante aumento il numero di strutture che studiano la decomposizione dei resti umani, le cosiddette "body farm", dove numerosi corpi donati volontariamente vengono disposti in estesi campi per osservarne da vicino il processo di decomposizione. Le donazion

La determinazione dell'epoca del decesso: metodi e problematiche

Stabilire l'epoca del decesso è fondamentale in ambito forense, perché sapere esattamente quando una persona è deceduta può aiutare anche a capire quale sia la causa del decesso e chi sia coinvolto nella sua morte. Inoltre, nel caso di un corpo in avanzato stato di decomposizione, mummificato o scheletrizzato, stabilire l'epoca del decesso aiuterebbe innanzitutto a stabilire se il corpo ritrovato sia di interesse archeologico o forense.  Capire quale sia il momento esatto in cui una persona ha smesso di vivere non è affatto facile, né tantomeno immediato, come spesso si vede nelle serie tv, dove dopo una sola occhiata il coroner è in grado di dire addirittura l'ora esatta del decesso. Incredibilmente errori grossolani di questo tipo si vedono anche nella vita reale, come nel caso ormai noto in Italia della morte di Dale Pike, il cui referto autoptico stabilisce sia morto tra le 18:00 e le 19:16, cosa del tutto ridicola che ha però contribuito a far finire in carcere negli S

I tumori benigni e maligni dell'osso

I tumori sono il risultato di una proliferazione incontrollata di cellule, che non sono normali sia nella forma che nelle dimensioni, e vengono riconosciute come estranee dal sistema immunitario. La causa di un tumore è solitamente multifattoriale. Tra le moderne cause di tumore vi sono radiazioni, dieta, consumo di tabacco, alcool o droghe, occupazione, infezioni, e predisposizione genetica. Quest'ultima sembra avere un ruolo importante nei tumori al seno e alle ovaie, nel retinoblastoma, nella neurofibromatosi, nei melanomi e nel tumore di Wilms, che colpisce i reni. Ad oggi si contano più di cento tipi diversi di tumore, sia benigni che maligni (e tumori benigni che si trasformano in maligni). Tra questi, oltre 40 colpiscono le ossa, inclusi cartilagine, tessuto connettivo fibroso e vasi sanguigni vicini. Gran parte dell'evidenza archeologica di tumori è rappresentata da lesioni scheletriche, ma è importante chiedersi quanto siano precise le diagnosi di tumore fatte solo o

Le fratture ossee derivanti dai diversi tipi di caduta fatale

Punto d'impatto di una caduta da altezza che ha causato la morte di un lavavetri a Tacoma (WA), negli Stati Uniti. Source: thenewstribune,com Le cadute sono tra le principali cause di morte o di lesioni fisiche non intenzionali. Vi sono moltissimi tipi di caduta, ed ognuno di essi costituisce un evento complesso e unico che produce forme uniche di trauma osseo. L'unicità e la complessità di ogni singola caduta sono da attribuire alla molteplicità di eventi che possono intrecciarsi tra loro; le forze generate durante la caduta sono diverse, così come le conseguenze che queste hanno sulle differenti aree dello scheletro. Per un antropologo forense sarebbe di particolare interesse riconoscere le morfologie dei vari traumi ossei e la loro distribuzione per ogni tipo di caduta, per poter ricostruire le circostanze dell'evento traumatico. Studi clinici e forensi incentrati sui trami ossei risultanti dalle cadute vengono condotti sin dagli inizi del 1900. Uno dei primi cas

Cenni su balistica e ferite da arma da fuoco

Una fetta importante delle lesioni riscontrate nei casi forensi è costituita dalle ferite da arma da fuoco. Se si escludono i contesti militari e/o di guerra, nei casi che coinvolgono civili la gran parte delle ferite da arma da fuoco deriva da pistole, carabine e fucili da caccia.  Per individuare correttamente una ferita da arma da fuoco sui resti umani, ossei e non, bisognerebbe avere una conoscenza basilare della struttura e del funzionamento delle armi da fuoco più comuni, dei proiettili e della loro interazione con i tessuti molli e ossei. Una cartuccia comprende una base o fondello (4), un bossolo (2), della polvere da sparo (3), e un proiettile (1): Source: Wikipedia Dalla base viene innescata (5) la polvere da sparo, la cui combustione produce un gas che spinge il proiettile, poi rilasciato dalla cartuccia al momento dello sparo. Il calibro è il diametro del proiettile ed è indipendente da massa, velocità e struttura dello stesso. Generalmente i proiettili sono

Gli effetti dell'abuso di alcol sulle ossa: un problema per le analisi antropologiche forensi

Source: jonbarron.org In antropologia forense, l'analisi dei resti umani è condizionata dalla comprensione dei processi di rimodellamento osseo, nei quali il tessuto osseo più vecchio viene costantemente sostituito da tessuto osseo più giovane. Il turnover osseo condiziona fortemente l'assegnazione dell'età del decesso e la distinzione tra lesioni ossee ante- e post-mortem. Inoltre, stabilire il momento in cui una determinata lesione ossea ha avuto luogo può essere fondamentale nei casi forensi dove vi è una morte per trauma o una storia cronica di abusi fisici; anche qui una conoscenza approfondita del ritmi di rimodellamento osseo e di eventuali fattori che potrebbero condizionarli è fondamentale. L'alcolismo è uno di quei fattori che risultano problematici per l'assegnazione dell'età e l'analisi dei traumi, perché gli effetti che esso ha livello osseo sconvolgono il normale ritmo di rimodellamento. L'abuso di alcool e la dipendenza da esso (a

Le principali differenze tra ossa umane ed animali - Parte I

Scheletro umano, scheletro di cervo reale, e scheletro aviario (non in scala). Source: psychic-vr-lab.com; Lydekker & Sclater, 2011;bafari.org Resti scheletrici sia umani che non umani, interi o frammentati, possono essere ritrovati in contesti sia archeologici che forensi, come scene del crimine, fosse comuni o disastri di massa, o anche semplicemente in bagagli dal contenuto sospetto. Individuare la natura umana o animale delle ossa è importante, perché nella gran parte delle investigazioni di tipo forense la procedura verrebbe interrotta se i resti ritrovati si rivelassero essere animali, e si risparmierebbero tempo e denaro. A meno che non si tratti di un'investigazione incentrata sul traffico di specie animali protette o per la quale i resti di un animale possano dare indizi significativi, i resti scheletrici non umani non sono vitali nei casi forensi. Anche nei contesti archeologici, il ritrovamento di resti umani ha certamente un valore diverso rispetto a quello

L'affidabilità dei metodi di classificazione "razziale" dei resti ossei viene messa in discussione

Source: Bone Clones, Inc. Chiunque segua la famosa serie televisiva "Bones" sa bene che alla Dottoressa Temperance Brennan basta un'occhiata ad uno scheletro per determinare il gruppo etnico della vittima: "Caucasico" o "Ispanico" sono definizioni che la Brennan dà con una velocità e una facilità impossibili per un antropologo vero. Infatti, nel mondo reale, la determinazione dell'etnia di un individuo a partire dai suoi resti scheletrici è tutt'altro che facile.   Vi sono indubbiamente caratteri scheletrici, che si concentrano soprattutto nel cranio, che sono considerati a ragione come tipici di determinati gruppi etnici. Alcuni membri di una particolare "razza" possono condividere alcune caratteristiche ossee; ad esempio, un'ampia apertura nasale, prognatismo, e una cresta sopra-orbitale pronunciata sono alcuni degli elementi ritenuti caratteristici della classe Negroide (brutta parola, ma è una classificazione antropolo