Passa ai contenuti principali

Le principali differenze tra ossa umane ed animali - Parte I

Scheletro umano, scheletro di cervo reale, e scheletro aviario (non in scala).
Source: psychic-vr-lab.com; Lydekker & Sclater, 2011;bafari.org

Resti scheletrici sia umani che non umani, interi o frammentati, possono essere ritrovati in contesti sia archeologici che forensi, come scene del crimine, fosse comuni o disastri di massa, o anche semplicemente in bagagli dal contenuto sospetto. Individuare la natura umana o animale delle ossa è importante, perché nella gran parte delle investigazioni di tipo forense la procedura verrebbe interrotta se i resti ritrovati si rivelassero essere animali, e si risparmierebbero tempo e denaro. A meno che non si tratti di un'investigazione incentrata sul traffico di specie animali protette o per la quale i resti di un animale possano dare indizi significativi, i resti scheletrici non umani non sono vitali nei casi forensi. Anche nei contesti archeologici, il ritrovamento di resti umani ha certamente un valore diverso rispetto a quello di resti animali, per i quali probabilmente servirebbe l'esperienza di un archeozoologo. Un buon antropologo forense dovrebbe conoscere le principali differenze tra le ossa umane e non umane, così da essere in grado di identificare con certezza l'eventuale natura umana o animale dei resti e non cadere in errori grossolani (che si sono presentati in molti casi) ed avviare un'investigazione incentrata su resti presunti umani che solo dopo diverso tempo si rivelano essere non umani e quindi di poca o nulla importanza.
Anche nei casi in cui vi siano resti umani e non umani mischiati (come è accaduto ad esempio dopo gli attentati dell'11 Settembre 2001), conoscerne la natura umana o animale è vitale per calcolare il numero minimo di individui, per poi procedere all'identificazione di quelli accertati umani. 

I resti non umani che vengono solitamente scambiati per umani sono quelli di animali usati per il consumo di carne, come polli, maiali o vitelli. Soprattutto se frammentate, le ossa di questi animali possono a prima vista (o ad un occhio non esperto) sembrare umane. Per identificare l'origine umana o animale di un osso, potrebbe rivelarsi utile conoscere alcune caratteristiche della regione del ritrovamento, ovvero quali specie sono presenti e quali vengono usate per il consumo di carne, la produzione di tessuti, o come animali domestici. Informazioni sul contesto dove le ossa vengono trovate non dovrebbero influenzarne la differenziazione, in quanto questa dovrebbe essere oggettiva. Tuttavia, siccome vi sono alcune specie non umane i cui resti possono essere difficili da distinguere da quelli umani, potrebbe rivelarsi utile sapere se quelle specifiche specie possono essere presenti o meno nell'area di interesse. Anche se vi sono casi in cui specie non locali vengono ritrovate in siti forensi o archeologici, per via ad esempio di scambi commerciali a lungo raggio, è comunque raccomandabile considerare le specie locali prima di considerare quelle esotiche. 
La presenza di segni di macellazione e consumo alimentare su un osso, come quelli lasciati da un coltello o dalla masticazione, potrebbe aiutare a capire la sua origine non umana, anche se non è sempre cosi, perché potrebbero esservi casi di smembramento di un corpo umano, attuato allo scopo di nascondere l'identità della vittima o per facilitarne lo spostamento.

Questo articolo, diviso in parte prima e seconda, mostra le principali differenze macroscopiche tra ossa umane e non umane, ed è suddiviso in sezioni focalizzate sulle singole parti che formano lo scheletro di un vertebrato. La superclasse in considerazione è quella dei Tetrapoda, ovvero dei vertebrati a 4 zampe, e più nello specifico ci si concentra sul clade Amniota, che include uccelli e mammiferi.
Le similitudini tra le ossa umane e quelle dei primati non umani non sono incluse, perché avrebbero bisogno di un articolo dedicato. Umani e primati fanno parte della stessa superfamiglia, Hominoidea, quindi le loro ossa sono molto simili; essendo le scimmie i nostri parenti più vicini, le relazioni tra esse e gli umani sono studiate nell'antropologia evolutiva e nella primatologia.

Lo scheletro di un mammifero è formato da oltre 200 ossa; il numero specifico di ossa varia tra le specie, ma la struttura generale dello scheletro è la stessa in tutte le specie, umani inclusi. Gli scheletri degli uccelli condividono con i mammiferi la struttura e il numero generale delle ossa, con alcune differenze significative, dovute all'adattamento al volo; ossa leggere con una corticale sottile, fuse in più punti come la colonna vertebrale e gli arti, rendono gli scheletri dei volatili diversi da quelli dei mammiferi.
Le differenze osservabili negli scheletri delle diverse specie sono dovute ai diversi tipi di locomozione, biomeccanica, crescita, sviluppo, ambiente e nutrizione. Locomozione e funzione sono i principali fattori che influenzano la forma delle ossa di tutti gli animali e degli umani. Per esempio, l'adattamento al volo rende le ossa degli uccelli che volano molto leggere e con una corticale sottile e liscia, mentre i mammiferi hanno ossa molto più robuste con una corticale spessa e simile alla corteccia di un albero, perché sono impegnate in attività che includono la corsa, lo scavo o il salto.
Le ossa dei mammiferi non umani tendono ad essere più dense e più spesse relativamente alla loro dimensione rispetto a quelle umane. In omeri e femori lo spessore della corticale occupa circa un quarto del diametro totale dell'osso negli umani, e la metà nei non umani, anche se questa è una regola piuttosto generica, perché in molti casi lo spessore dell'osso corticale può essere maggiore negli umani. Ad esempio, l'osso corticale nella parte centrale del femore negli umani è più spesso rispetto ad animali come la pecora o il canguro. L'indice di spessore corticale, ovvero la proporzione del diametro dell'osso lungo occupata dalla corticale, è 51.5% negli umani, 34.6% nei canguri, e 25% nelle pecore. Ciò può essere dovuto al carico maggiore sopportato dal femore umano, perché negli umani una massa corporea maggiore è sopportata da due gambe anziché quattro.
L'osso trabecolare o interno delle ossa lunghe degli uccelli è caratterizzato da larghe sacche d'aria, ed è più denso nelle estremità articolari; la trabecola copre la superficie midollare nelle ossa lunghe umane, mentre nei mammiferi non umani la superficie midollare tende ad essere relativamente liscia, perché la trabecola è perlopiù assente. Per questa ragione, il confine tra osso corticale e trabecolare è ben definito nelle ossa non umane e meno visibile in quelle umane.


In ordine: struttura interna di osso aviario, con ampie sacche d'aria (source: blogs.bu.edu); osso di mammifero non umano, con una superficie interna liscia; osso umano, con una trabecola chiaramente visibile (source: Visuals Unlimited, Inc.)

Le superfici articolari sono generalmente più lisce negli umani, perché il range di movimenti che caratterizza lo scheletro umano è più ampio di quello visto nella gran parte dei mammiferi, le cui articolazioni tendono ad essere più massicce e interconnesse, quindi meno efficienti nel movimento ma molto più stabili. 

Cranio

I crani umani appaiono generalmente più rotondi rispetto a quelli non umani, anche se le differenze nella curvatura potrebbero diventare meno ovvie quando vengono ritrovate ossa frammentate. Le ossa della volta craniale, quando frammentate, possono essere difficili da identificare come umane o non umane, perché i crani umani possono condividere alcune caratteristiche come curvatura, suture e struttura dei condili occipitali, con alcuni mammiferi. Le ossa della volta cranica negli umani tendono a mostrare una chiara struttura a sandwich, con osso spugnoso racchiuso tra due tavole di corteccia compatta interna ed esterna; questa struttura non è sempre visibile nei crani non umani. I crani degli uccelli sono molto sottili, e in molti casi traslucidi, e non possono essere confusi per osso umano anche se frammentati.
Le ossa facciali, incluse quelle più robuste come lo zigomatico, la mascella, e la mandibola, mostrano più differenze tra umani e non umani, quindi sono più facilmente identificabili anche se frammentate. Gli umani hanno una faccia ortognata (non sporgente), con una volta bulbosa dovuta alla presenza di un cervello relativamente grande, mentre i non umani tendono ad avere una faccia prognata (sporgente), grossa e allungata, con una volta più piccola. Le orbite umane sono localizzate sulla parte frontale del cranio e sopra l'apertura nasale; al contrario, gli animali in generale hanno le loro orbite posizionate lateralmente e posteriori rispetto all'apertura nasale. Gli uccelli hanno orbite molto grandi che mostrano un anello ossicolare, ed una scatola cranica che è piccola relativamente alla dimensione del cranio.

Sia negli umani che nei non umani, la mandibola è formata da osso molto più denso rispetto al resto del cranio. Generalmente, la mandibola segue una forma ad U negli umani e a V nei non umani (inclusi gli uccelli). Le mandibole non umane sono spesso non fuse alla sinfisi mandibolare (fusione che negli umani avviene fra il sesto e il dodicesimo mese di vita), e non mostrano mai un mento, che è presente solo nelle mandibole umane.

Mandibola umana, a forma di U. Source: Russell Bone Atlas
Mandibola di pecora Bighorn, a forma di V.
Source: Phil Myers

Denti

Gli umani hanno denti anteriori impiantati verticalmente, canini piccoli e premolari e molari bunodonti (con cuspidi arrotondate), per via di una dieta onnivora; tra le poche specie non umane che hanno denti bunodonti ci sono il maiale, l'orso, il procione, il porcospino e i membri della famiglia Hominidae che include, a parte gli umani, oranghi, gorilla e scimpanzé.

Denti di maiale. Source: utep.edu

Denti di orso nero americano. Source: uwsp.edu

Un umano adulto ha generalmente 32 denti, 8 in ogni quadrante della bocca: 2 incisivi, 1 canino, 2 premolari e 3 molari; la formula dentaria, ovvero il numero di denti per quadrante, dei mammiferi non umani è altamente variabile. La variazione in numero, dimensione e forma dei denti è presente anche all'interno della stessa specie. Nella gran parte dei mammiferi, il dimorfismo sessuale è visibile nella dimensione dei denti, solitamente basata sul diametro della corona, in quanto i maschi tendono ad avere denti più grossi delle femmine. 
Le variazioni dentarie non metriche sono un importante strumento d'identificazione per gli umani. I più comuni tratti non metrici tenuti in considerazione per i denti umani sono presenza, numero, morfologia e posizione delle cuspidi dei molari, il pattern delle fessure nelle superfici occlusive molari, e la presenza o l'assenza di denti, in particolare del terzo molare. Negli umani possono inoltre esserci differenze di tipo etnico, più marcate nella dentizione permanente. Per esempio, gli incisivi a forma di pala (con una superficie linguale concava e con creste mesiali e distali) sono tipici negli individui Asiatici, in particolare quelli provenienti dal Nord-Est dell'Asia e dalle Americhe; altre caratteristiche viste nelle dentature asiatiche sono incisivi relativamente grandi, premolari piccoli, molari grandi ed un arco parabolico. Negli individui di colore sono comuni il diastema tra gli incisivi e la tendenza all'avere denti soprannumerari; nei Caucasici, la cuspide si Carabelli, una cuspide addizionale solitamente visibile sul primo molare, è un tratto comune, raramente presente nelle dentizioni "africane" e "asiatiche". 
Generalmente, le specie animali carnivore hanno incisivi piccoli, canini grossi e conici, e premolari e molari affilati, adattati ad afferrare, strappare e masticare la carne cruda. Gli erbivori hanno canini piccoli o mancanti e molari ampi e alti con fosse profonde, o infundibula, per tritare le piante (visibili nella figura sopra della mandibola della pecora Bighorn). I roditori hanno grossi incisivi e mandibole robuste, adattate al rosicchiamento, e non hanno canini; i premolari, talvolta assenti, e i molari sono piatti e hanno valli poco profonde tra i picchi. 

Ioide

L'osso ioide, che negli umani si trova nella porzione anteriore del collo, è presente in molte specie non umane, inclusi mammiferi, uccelli e pesci. I mammiferi non umani hanno un apparato ioide dall'aspetto più complesso rispetto a quello degli umani, con corna più sviluppate ed un processo linguale. Lo ioide degli uccelli è molto diverso da quello umano, essendo molto sottile e facente parte del cranio. Negli uccelli infatti, l'osso ioide avvolge il cranio, e il processo linguale supporta la lingua.

Ioide umano, piano intero-laterale. Source: Taxform.me

Ioide di cavallo, piano intero-laterale. a-b: estremità prossimale e distale del corno maggiore;  c: corno minore;  d: corpo. Source: asp.edu

Ioide aviario, piano superiore. Source: etc.usf.edu



Commenti

Post popolari in questo blog

Un approfondimento sui decessi per impiccagione e strangolamento

Source: Getty Images Il collo umano è molto vulnerabile ed esposto a lesioni potenzialmente mortali, per via del suo diametro relativamente piccolo, della mancanza di una schermatura ossea, e della sua stretta associazione con le vie respiratorie, il midollo spinale, e i principali vasi sanguigni.  Le forme più comuni di decesso legato a lesioni del collo sono l'impiccagione e lo strangolamento. L'impiccagione può essere completa o incompleta: si definisce completa quando tutto il corpo è sollevato dal suolo e l'intero peso della vittima è sopportato dal collo; si definisce incompleta quando una parte del corpo tocca una superficie e il peso della vittima non è totalmente sopportato dal collo. L'impiccagione viene anche classificata a seconda dell'intento: giudiziaria, omicida, suicida, autoerotica, ludica o accidentale.  Nelle impiccagioni di tipo giudiziario, che si rivelano essere spesso quelle più estreme, vi è un'effettiva decapitazione, con una

La figura dell'antropologo forense: ruolo, formazione e problematiche annesse

Source: Boston University School of Medicine Negli ultimi anni, l'antropologia forense è diventata una disciplina sempre più complessa, che richiede competenze specifiche ed esperienza in altre determinate discipline che in passato non erano solitamente correlate all'antropologia forense. Infatti, per diventare un antropologo forense qualificato, oggi bisogna completare lunghi e intensi anni di studi. Il numero degli antropologi qualificati e certificati è in costante aumento. Tuttavia, vi sono ancora idee equivoche sull'antropologia forense, anche nella stessa comunità scientifica, che soprattutto nelle indagini di tipo legale/forense possono costituire un serio problema. Ciò accade perché a volte si sottovaluta la complessità della formazione di un antropologo, e si tende a pensare che alcune figure professionali, come ad esempio i patologi, possano in teoria lavorare sui resti scheletrici, semplicemente frequentando qualche corso integrativo di antropologia. Fonda

"I rischi del mestiere": i potenziali pericoli dell'antropologia forense

Source: University of Huddersfield Gli antropologi forensi operano quotidianamente sui resti umani, scheletrizzati e decomposti, quindi sono esposti ad una serie di potenziali pericoli per la salute. Oltre al fatto stesso di maneggiare resti umani decomposti, altre potenziali fonti di rischio sono il lavoro sul campo e gli attrezzi usati in laboratorio. Ad esempio, ci si può ferire durante l'utilizzo del bisturi, si può contrarre un'infezione, o si può essere esposti a patogeni per via di schizzi di fluidi contagiosi che hanno contatto con le mucose o con eventuali ferite già presenti, per inalazione di particelle infettive, o per diretta inoculazione con oggetti taglienti. Nella ricerca antropologica, è in costante aumento il numero di strutture che studiano la decomposizione dei resti umani, le cosiddette "body farm", dove numerosi corpi donati volontariamente vengono disposti in estesi campi per osservarne da vicino il processo di decomposizione. Le donazion

La determinazione dell'epoca del decesso: metodi e problematiche

Stabilire l'epoca del decesso è fondamentale in ambito forense, perché sapere esattamente quando una persona è deceduta può aiutare anche a capire quale sia la causa del decesso e chi sia coinvolto nella sua morte. Inoltre, nel caso di un corpo in avanzato stato di decomposizione, mummificato o scheletrizzato, stabilire l'epoca del decesso aiuterebbe innanzitutto a stabilire se il corpo ritrovato sia di interesse archeologico o forense.  Capire quale sia il momento esatto in cui una persona ha smesso di vivere non è affatto facile, né tantomeno immediato, come spesso si vede nelle serie tv, dove dopo una sola occhiata il coroner è in grado di dire addirittura l'ora esatta del decesso. Incredibilmente errori grossolani di questo tipo si vedono anche nella vita reale, come nel caso ormai noto in Italia della morte di Dale Pike, il cui referto autoptico stabilisce sia morto tra le 18:00 e le 19:16, cosa del tutto ridicola che ha però contribuito a far finire in carcere negli S

I tumori benigni e maligni dell'osso

I tumori sono il risultato di una proliferazione incontrollata di cellule, che non sono normali sia nella forma che nelle dimensioni, e vengono riconosciute come estranee dal sistema immunitario. La causa di un tumore è solitamente multifattoriale. Tra le moderne cause di tumore vi sono radiazioni, dieta, consumo di tabacco, alcool o droghe, occupazione, infezioni, e predisposizione genetica. Quest'ultima sembra avere un ruolo importante nei tumori al seno e alle ovaie, nel retinoblastoma, nella neurofibromatosi, nei melanomi e nel tumore di Wilms, che colpisce i reni. Ad oggi si contano più di cento tipi diversi di tumore, sia benigni che maligni (e tumori benigni che si trasformano in maligni). Tra questi, oltre 40 colpiscono le ossa, inclusi cartilagine, tessuto connettivo fibroso e vasi sanguigni vicini. Gran parte dell'evidenza archeologica di tumori è rappresentata da lesioni scheletriche, ma è importante chiedersi quanto siano precise le diagnosi di tumore fatte solo o

Le fratture ossee derivanti dai diversi tipi di caduta fatale

Punto d'impatto di una caduta da altezza che ha causato la morte di un lavavetri a Tacoma (WA), negli Stati Uniti. Source: thenewstribune,com Le cadute sono tra le principali cause di morte o di lesioni fisiche non intenzionali. Vi sono moltissimi tipi di caduta, ed ognuno di essi costituisce un evento complesso e unico che produce forme uniche di trauma osseo. L'unicità e la complessità di ogni singola caduta sono da attribuire alla molteplicità di eventi che possono intrecciarsi tra loro; le forze generate durante la caduta sono diverse, così come le conseguenze che queste hanno sulle differenti aree dello scheletro. Per un antropologo forense sarebbe di particolare interesse riconoscere le morfologie dei vari traumi ossei e la loro distribuzione per ogni tipo di caduta, per poter ricostruire le circostanze dell'evento traumatico. Studi clinici e forensi incentrati sui trami ossei risultanti dalle cadute vengono condotti sin dagli inizi del 1900. Uno dei primi cas

Cenni su balistica e ferite da arma da fuoco

Una fetta importante delle lesioni riscontrate nei casi forensi è costituita dalle ferite da arma da fuoco. Se si escludono i contesti militari e/o di guerra, nei casi che coinvolgono civili la gran parte delle ferite da arma da fuoco deriva da pistole, carabine e fucili da caccia.  Per individuare correttamente una ferita da arma da fuoco sui resti umani, ossei e non, bisognerebbe avere una conoscenza basilare della struttura e del funzionamento delle armi da fuoco più comuni, dei proiettili e della loro interazione con i tessuti molli e ossei. Una cartuccia comprende una base o fondello (4), un bossolo (2), della polvere da sparo (3), e un proiettile (1): Source: Wikipedia Dalla base viene innescata (5) la polvere da sparo, la cui combustione produce un gas che spinge il proiettile, poi rilasciato dalla cartuccia al momento dello sparo. Il calibro è il diametro del proiettile ed è indipendente da massa, velocità e struttura dello stesso. Generalmente i proiettili sono

Gli effetti dell'abuso di alcol sulle ossa: un problema per le analisi antropologiche forensi

Source: jonbarron.org In antropologia forense, l'analisi dei resti umani è condizionata dalla comprensione dei processi di rimodellamento osseo, nei quali il tessuto osseo più vecchio viene costantemente sostituito da tessuto osseo più giovane. Il turnover osseo condiziona fortemente l'assegnazione dell'età del decesso e la distinzione tra lesioni ossee ante- e post-mortem. Inoltre, stabilire il momento in cui una determinata lesione ossea ha avuto luogo può essere fondamentale nei casi forensi dove vi è una morte per trauma o una storia cronica di abusi fisici; anche qui una conoscenza approfondita del ritmi di rimodellamento osseo e di eventuali fattori che potrebbero condizionarli è fondamentale. L'alcolismo è uno di quei fattori che risultano problematici per l'assegnazione dell'età e l'analisi dei traumi, perché gli effetti che esso ha livello osseo sconvolgono il normale ritmo di rimodellamento. L'abuso di alcool e la dipendenza da esso (a

L'affidabilità dei metodi di classificazione "razziale" dei resti ossei viene messa in discussione

Source: Bone Clones, Inc. Chiunque segua la famosa serie televisiva "Bones" sa bene che alla Dottoressa Temperance Brennan basta un'occhiata ad uno scheletro per determinare il gruppo etnico della vittima: "Caucasico" o "Ispanico" sono definizioni che la Brennan dà con una velocità e una facilità impossibili per un antropologo vero. Infatti, nel mondo reale, la determinazione dell'etnia di un individuo a partire dai suoi resti scheletrici è tutt'altro che facile.   Vi sono indubbiamente caratteri scheletrici, che si concentrano soprattutto nel cranio, che sono considerati a ragione come tipici di determinati gruppi etnici. Alcuni membri di una particolare "razza" possono condividere alcune caratteristiche ossee; ad esempio, un'ampia apertura nasale, prognatismo, e una cresta sopra-orbitale pronunciata sono alcuni degli elementi ritenuti caratteristici della classe Negroide (brutta parola, ma è una classificazione antropolo